Proximity marketing: come funziona e quali sono i vantaggi?

proximity marketing

Il proximity marketing (marketing di prossimità) è una tecnica di marketing che permette di creare e inviare contenuti personalizzati a target specifici direttamente sullo smartphone. Si tratta di un servizio geolocalizzato: si attiva, infatti, quando l’utente passa in una determinata area o entra in un certo luogo, come per esempio un negozio, un hotel o un museo. Questa tecnica viene usata per comunicare in tempo reale all’utente un’offerta, una promozione ecc. attraverso l’invio di una notifica.

Proximity marketing: quali sono le tecnologie?

Le tecnologie che permettono la trasmissione di questi contenuti sono:

  • Bluetooth: grazie a questa tecnologia oggigiorno presente in ogni dispositivo mobile, è possibile identificare i device in un raggio che può arrivare anche a qualche centinaia di metri. Per il proximity marketing, sono particolarmente utili i beacon, piccoli trasmettitori wireless che possono essere fissati ovunque (nei luoghi pubblici come i muri di un negozio); i beacon usano le tecnologia bluetooth inviando segnali ad altri device nelle vicinanze. I beacon sono stati inizialmente sviluppati da Apple proprio per il marketing di prossimità e presentano solo una criticità: affinché il device venga raggiunto dai beacon, è necessario che l’utente abbia scaricato un’app apposita.
  • Wi-fi, come hotspot pubblici o semi-pubblici: grazie a questa tecnologia, vengono distribuiti messaggi personalizzati ai dispositivi che risultano connessi a una determinata rete, come per esempio quella di un aeroporto o di uno spazio di co-working.
  • NFC: acronimo di Near Field Communication, questa tecnologia è largamente sfruttata per i pagamenti elettronici contactless ma può trovare impiego anche nella comunicazione a corto raggio.

Proximity marketing: i vantaggi

I vantaggi per gli utenti

Per quanto riguarda gli utenti finali e i consumatori, il proximity marketing apporta principalmente il vantaggio di vivere una shopping experience più coinvolgente e personalizzata. Grazie alla ricezione di informazioni utili per il nostro processo di acquisto o di promozioni e offerte, scatta una dinamica che permette di aumentare la customer satisfaction.

Un altro importante vantaggio è la pertinenza dei messaggi: informazioni aggiuntive su ciò che si può trovare in un certo reparto, schede prodotto dell’elettrodomestico che si sta osservando, offerte attinenti ai propri bisogni: il proximity marketing non fa altro che rendere “aumentata” l’esperienza fisica del negozio.

I vantaggi per i brand

Grazie all’elevata possibilità di personalizzazione, i brand possono costruire relazioni con i propri consumatori, aumentando l’engagement e la fidelizzazione. La comunicazione personalizzata consente anche la pubblicità personalizzata, trovando il consumatore al posto giusto nel momento giusto.

Il marketing di prossimità, inoltre, permette alle aziende di avere accesso a numerosi dati relativi a situazioni di acquisto offline, solitamente difficili da reperire, e fa da ponte tra lo shopping offline e quello online.

Proximity marketing: qualche esempio

Tra i vari casi di brand che hanno utilizzato il proximity marketing con successo, citiamo Macy’s, catena statunitense leader dello shopping, che ha usato più volte questa tecnica personalizzando gli auguri per i propri clienti o “seminando” dei premi speciali nei punti vendita. Anche Ikea ha usato il marketing di prossimità nei suoi store, offrendo ai clienti che installavano l’app di Ikea Family la possibilità di ricevere notifiche dedicate ai diversi reparti del negozio. McDonald’s ha sfruttato queste tecniche per regalare dei coupon che permettevano di ricevere in omaggio delle nuove bevande.

Una best practice viene proprio dall’Italia e riguarda la Gelateria della Musica a Milano, che ha creato un’app che invia novità, ricette ed eventi.

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità dal mondo del digital marketing? Non perderti i nostri articoli!

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Potrebbe anche piacerti